Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Cina | Colombia | Etiopia | India | Ucraina | Vietnam

L’attesa della data dell’udienza

 

La pratica, così istruita, viene infine depositata in Tribunale ed inizia l’attesa della data dell’udienza.
Generalmente il Giudice controlla i documenti pochi giorni prima dell’udienza, e quindi si è costretti a correre per riuscire a fare tutto in un giorno o due.


In ogni caso gli operatori dell’ente fanno il possibile per essere d’aiuto alla coppia.
Può succedere che all’ultimo momento siano richiesti i documenti più strani o inconsueti; anche qualora la richiesta del Giudice dovesse apparire assurda, è suo pieno diritto pretenderla, quindi meglio evitare inutili discussioni ed adoperarsi per provvedere.
Il Giudice, una volta soddisfatto, fissa la data dell’udienza che può essere comunicata anche solo la settimana prima.
Dall’esperienza si evince che in genere, tra il primo viaggio e l’udienza, non passano meno di 3 mesi e non più di 6.

Ma anche in questo caso si tratta di dati statistici, non di tempi prefissati o predeterminabili. Questo periodo di attesa è senz’altro la più difficile; dopo aver conosciuto il bambino, ogni giorno che passa sembra eterno.